E' il biliardo lo sport più antico di Molinella? Il primo tavolo fu inaugurato nel 1861

 

 

 

Si continua a scavare nel passato sportivo di Molinella e le sorprese non mancano.

Fino a qualche anno fa era considerato un punto fermo della nostra “storiografia” il fatto che il ciclista Ettore Bettini, partecipando il 25 giugno 1910 alla Bologna-Codigoro organizzata dall’Audax Italiana per l’inaugurazione del grande impianto idrovoro del Delta, fosse stato “il primo sportivo di Molinella”. Prima di lui, infatti, non si aveva notizia di altri molinellesi impegnati in una gara sportiva. Per lungo tempo, avevamo dunque creduto che ad introdurci nell’Era dello Sport fosse stato precisamente Ettore Bettini e che a lui spettasse un posto d’onore nella nostra storia sportiva.

A spodestarlo dal trono sul quale proprio noi del Caffè l’avevamo insediato, è stato Gustavo Massarenti, studente 15enne di Molinella, il quale, come si legge sulla Stampa di Torino del 21 novembre 1887 (cioè quasi 23 anni prima dell’impresa di Bettini)“vinse in loco la Medaglia d’Oro al Gran Premio di Tiro, facendo 6 centri su 6”.

A farci fare un ulteriore passo indietro, è arrivato poi il cavallo Dolores, di proprietà del signor Giacomo Cavara di San Martino in Argine, che il 14 luglio 1881, in piazza Prato della Valle a Padova, partecipò al “Gran Premio per Trottatori Agricoltura Industria e Commercio”.

Ma se, fino a ieri, eravamo convinti che il primo sportivo di Molinella fosse stato un cavallo, ora dobbiamo di nuovo ricrederci. É di questi giorni la scoperta che il 15 dicembre 1861, “alla Locanda Speranza di Raffaele Medini venne inaugurato il primo tavolo per il giuoco del biliardo bolognese”. E dunque il titolo passa di diritto nelle mani degli ignoti giocatori di biliardo che quella sera di 158 anni fa, affollavano la locanda di Medini, l’ex stazione di posta, che si trovava lungo l’attuale via Mazzini, ultima casa sulla destra, venendo dal centro, prima del Vecchio Ospedale.

A guidarci oltre i confini dell’ignoto è stato ancora una volta il nostro amico Giorgio Golinelli, il quale, scartabellando nell’archivio comunale, ha scoperto che nel dicembre di quello stesso 1861, venne approvata “la costruzione in Molinella del tiro al bersaglio”, che però entrò in funzione al Foro Boario (di fronte all’ingresso dell’Asilo Viviani) solo l’anno dopo.

A parte la caccia in valle che fa classifica per conto proprio, in quanto ancora nel 1812 un documento della Municipalità di Molinella la definiva “trastullo per nobili e borghesi oziosi” e che anche in seguito faticherà molto prima di vedersi riconosciuta la dignità di sport a tutti gli effetti, il biliardo guadagna temporaneamente il primato dello sport più antico di Molinella. In attesa di nuove scoperte.

 

 

   

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI 

tutto lo sport

Notizie del giorno


ANIMALI DAL MONDO / 75

Spara al suo cane trascinandolo in strada: «Sono cacciatore, sparo a chi mi pare» 

                        [Apri]

                     [Precedenti]